Gare - Campionati
Campionati Internazionali
gio 23 agolun 20 agodom 19 agosab 18 ago
ven 17 agogio 16 agomer 15 agomar 14 ago
lun 13 agodom 12 agosab 11 agomer 1 ago
23/08/2012
Lille 2012: conclusi i giochi
Diciamo addio a Lille e lo diciamo senza troppi rimpianti. Non rimpiangeremo i risultati bridgistici né la città in sé. Dei nostri risultati abbiamo già detto, dobbiamo aggiungere solo che un pezzettino di Italia sale sul Podio grazie a Gabriella Olivieri (BRAVA !!!!!!!) che conquista l’Oro del Transnational con la squadra Milner. All’interno del Grand Palais, dove si giocava, direi che tutto ha funzionato bene. Tornando ai risultati, è chiaro che anche questa spedizione, come quella di Dublino, va giudicata in modo negativo. Se infatti i Senior hanno ottenuto un grande risultato e le Ladies, tutto sommato, lasciano la Francia con l’onore delle armi avendo perso contro una squadra più forte senza però sfigurare, il risultato degli Open, del quale abbiamo parlato ampiamente, fa sì che il giudizio complessivo sui nostri risultati, non possa che essere negativo.
    Ma se il bilancio del bridge italiano qui a Lille si chiude in rosso, direi che quello del bridge mondiale, si chiude in rosso acceso. Queste Olimpiadi infatti, se da un lato verranno ricordate come quelle della caduta dei giganti (noi, USA, Monaco), dall’altro non verranno certo ricordate come quelle dell’ascesa di nuovi Dei nell’Olimpo del bridge. Al primo ed al secondo posto si sono classificate due squadre delle quali tutto si può dire (anzi, diciamolo subito: bravissime!), ma non che abbiano portato una ventata di novità. La Svezia è una squadra che, da anni, si presentava con la stessa formazione e che, da anni, otteneva risultati talvolta discreti, talvolta mediocri. Gli assi portanti della squadra erano due coppie: Nystrom-Bertheau e Fredin-Fallenius. Qui si sono presentati con i primi due divisi e con gli altri due “assenti giustificati”. Sono subentrati, a detta dei nostri e di altri giocatori, un ottimo giocatore, Upmark, due discreti ed un “negato” (relata refero). Insomma, ai nastri di partenza, una squadra che “non contava”. Bene, questa squadra ha vinto eliminando squadroni tipo USA e Monaco. La Polonia, seconda, presentava una squadra che, come coppia di punta, aveva una coppia (Balicki-Zmudzinski) che si à espressa ai massimi livelli qualche lustro fa. E’ quindi evidente che i “sovrani” non sono stati spodestati da forze nuove, ma da antichi comprimari (di alto rango, sia chiaro) che venivano regolarmente battuti. Ecco perché dico che il bilancio finale di queste Olimpiadi, per il bridge non è positivo. Non sono esplosi nuovi talenti che renderanno più affascinanti le battaglie future ma si è visto solo che il divario tra le cosiddette grandi e le altre squadre, si è ridotto notevolmente. E secondo me (ma sono il solo a dirlo: tutti i giocatori che ho interrogato sostengono il contrario) si è ridotto perché c’è stato un livellamento verso il basso, non verso l’alto. Ovvero non perché gli altri siano diventati dei fenomeni, ma perché i fenomeni sbagliano di più. Ma questa, ripeto, è solo una mia opinione che vale quel che vale. Non è, al contrario, una mia opinione ma un dato di fatto che, negli ultimi 15 anni sono saliti alla ribalta due soli giocatori: Madala e Grue, che si sono dimostrati all’altezza dei campioni che li hanno preceduti. Per il resto buio totale. Se questo non può considerarsi un bilancio negativo….
    
    IL MEDAGLIERE
    
    OPEN
    ORO SVEZIA Ahlesved, Bertheau, Cullin, Nystrom, Petersson, Upmark
    ARGENTO POLONIA
    BRONZO MONACO
    
    
    WOMEN
    ORO INGHILTERRA Brock, Brown, Dhondy, Senior, Smith, Stockdale
    ARGENTO RUSSIA
    BRONZO POLONIA
    
    SENIOR
    ORO UNGHERIA Barany, Dumbovich, Kovacs, Magyar, Szappanos
    ARGENTO USA
    BRONZO FRANCIA
    
    TRANSNATIONAL
    ORO MILNER Hamman, Lall, Milner, Olivieri, Pszczola, Wortel
    ARGENTO CANADA
    BRONZO SAIC RED
    
    Alberto Benetti

Nazionale Open
FORMAZIONE
Giorgio DUBOIN
Agustin MADALA
Romain ZALESKI
Norberto BOCCHI
Antonio SEMENTA
Alfredo VERSACE
M.T. LAVAZZA (cng)
M. ORTENSI (coach)
Nazionale Women
FORMAZIONE
Marilina VANUZZI
Caterina FERLAZZO
Gabriella MANARA
Gabriella OLIVIERI
Annalisa ROSETTA
Cristina GOLIN
Dano DE FALCO (cng)
Dano DE FALCO (coach)
Nazionale Senior
FORMAZIONE
Giampiero BATTISTONI
Eugenio BERTOLUCCI
Giampiero BETTINETTI
Michele FERRARA
Giuseppe MASSAROLI
Leonardo MARINO (cng)
visita il sito CONIPrivacy Policy FIGBPrivacy PolicyFederazione Italiana Gioco Bridge - P.Iva 03543040152 - Copyright 2003-2017    Valid XHTML 1.0 Strictaffiliata a visita il sito WBF visita il sito EBL