Informazioni - Archivio News Federali
28/10/2016
BOBO
Con profondo e commosso rispetto desidero ricordare Bobo.
Passionale, coinvolgente, generosa mai banale e' stata la sua vita di uomo di Sport e non solo. Uno stile che lo ha sempre caratterizzato anche nel Bridge, per cui nutriva una attrazione mai doma. Per me è stato anche un degnissimo avversario, leale e coerente.
Per questo proprio il "rispetto" sarà il sentimento più forte che porterò nei miei pensieri per sempre.
Ciao grande Bobo

Gianni Medugno
Presidente FIGB


Roberto Cambiaghi, per tutti Bobo.
In questa giornata di grande tristezza per la perdita di un amico personale e del bridge, affiorano nella memoria tante situazioni di vita nelle quali ha saputo destreggiarsi al meglio e resta il pensiero che sia stato un uomo fortunato.
Attraente e ricco, è sempre stato sulle barricate della vita con il fare da simpatico guascone, lasciando la sua impronta in ogni campo nel quale si è cimentato: nelle gare automobilistiche (ha vinto il Campionato Italiano Rally nel 1975), nel Golf (oltre che giocarlo bene fece anche il caddy di Baldovino Dassù in un Open d’Italia che il campione toscano ormai a fine carriera rischiò di vincere), nella pesca, a cavallo e nel Bridge, dove ha vinto un titolo italiano seniores ed ha vestito per due volte la maglia azzurra seniores.
Era il suocero di Alessandro Nannini; infatti Roberta, una delle due sue figlie, ha sposato l’ex pilota senese di formula 1.
Bobo è stato anche musicista nel Clan di Celentano e se ancora lo incontravi di notte in qualche locale sui Navigli era lì per improvvisare al pianoforte “Una carezza in un pugno” e, se oggi potesse intonare ancora una canzone, ci canterebbe che il cielo è “Azzurro”.

Enzo La Novara
Direttore Bridge d'Italia





Cerca News
Testo
MeseAnno
Campionato
Allegato


visita il sito CONIPrivacy Policy FIGBPrivacy PolicyFederazione Italiana Gioco Bridge - P.Iva 03543040152 - Copyright 2003-2017    Valid XHTML 1.0 Strictaffiliata a visita il sito WBF visita il sito EBL